home / Archivio / Fascicolo / Brevi riflessioni sulla dissenting opinion nell'arbitrato rituale

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Brevi riflessioni sulla dissenting opinion nell'arbitrato rituale

Elena D’Alessandro

Il commento, occasionato dalla sentenza della Corte d’Appello di Napoli del 9 maggio 2017, affronta alcune problematiche questioni in tema di dissenting opinion e arbitrato rituale.

PAROLE CHIAVE: arbitrato rituale - impugnazione del lodo - dissenting opinion

Remarks on dissenting opinion in italian domestic arbitration

The paper focuses on the role of dissenting opinion in Italian domestic arbitration.

Appello Napoli, 9 maggio 2017

(Cultrera presidente; Candia estensore) – Banco di Napoli s.p.a. (avv. Rocco di Torrepadula) – Immobiliare Neapolis s.p.a. (avv.ti Picone, Paparella)

Arbitrato – Arbitrato rituale – Lodo – Dissenting opinion – Impugnabilità ex art. 829 c.p.c. – Esclusione

La circostanza per cui la maggioranza del Collegio Arbitrale non abbia condiviso la dissenting opinion formulata da uno degli arbitri non può costituire motivo di impugnazione del lodo ai sensi dell’art. 829 c.p.c. (44)

 

 

[Omissis]

10.b. L’attore lamenta ancora che «gli Arbitri non [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio

COMMENTO

Sommario:

1. Il caso e la condivisibile soluzione offerta dalla Corte d’Appello di Napoli - 2. La funzione della dissenting opinion nel contesto dell’arbitrato rituale - NOTE


1. Il caso e la condivisibile soluzione offerta dalla Corte d’Appello di Napoli

La sentenza in epigrafe offre lo spunto per riflettere sull’istituto della dissenting opinion nell’arbitrato rituale, anche se, nel caso di specie, si trattava di una opinione dissenziente non espressa nella tipica forma della dichiarazione scritta “di minoranza” allegata al lodo. Nella vicenda in esame, infatti, la parte soccombente in arbitrato rituale aveva impugnato il lodo arbitrale lamentandosi, inter alia, del fatto che il Collegio Arbitrale non aveva tenuto conto dell’opinione di minoranza espressa da uno degli arbitri e formalizzata con nota depositata in Camera di Consiglio (del deposito si dava conto nella motivazione nel lodo), ma non anche allegata alla pronuncia arbitrale [1]. Il Collegio aveva dunque deliberato a maggioranza, come consentito dall’art. 823, n. 7, c.p.c. [2]. Verosimilmente – anche se nella motivazione della decisione non si richiama espressamente siffatta disposizione – il vizio lamentato era stato dall’istante ricondotto al motivo di censura di cui all’art. 829, n. 5, c.p.c. (mancanza del­l’esposizione sommaria dei motivi). La Corte d’Appello, dopo aver rilevato che il Collegio Arbitrale, nella motivazione del lodo, aveva dato conto della sussistenza di un’opinione di minoranza ritenuta, tuttavia, non condivisibile dalla maggioranza del Collegio, ha correttamente affermato che il fatto di non aver condiviso l’opinione di [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La funzione della dissenting opinion nel contesto dell’arbitrato rituale

L’espressione di una opinione dissenziente da parte dell’Arbitro messo in minoranza, quando la decisione sia affidata ad un Collegio Arbitrale, è consentita nel contesto dell’arbitrato rituale italiano, posto che l’art. 823 c.p.c., a differenza di quanto prevede l’art. 276 c.p.c. per la deliberazione del Tribunale in composizione collegiale, non impone il requisito della segretezza [6]. A meno che le parti, nel patto compromissorio, ovvero in un atto scritto separato anteriore all’inizio del processo arbitrale, non optino a favore dell’applicabilità del­l’art. 276 c.p.c. al procedimento arbitrale [7]. Con riferimento alla sua funzione, si è ritenuto che la regola della sottoscrizione a maggioranza di cui all’art. 823, n. 7, c.p.c. (da cui si desume quella della ammissibilità della opinione dissenziente) sia da ravvisare: i) nella tutela delle parti, le quali hanno interesse ad ottenere un lodo anche in caso di dissenso tra gli arbitri; ii) nella tutela degli arbitri di maggioranza, che vengono così protetti dal dissenso dell’Arbitro di minoranza[8],e. posti ciononostante in condizione di adempiere l’obbligazione assunta nei confronti delle parti con il contratto di arbitrato (Schiedsrichtervertrag) [9]. Si deve altresì ritenere che l’istituto della dissenting opinion operi anche in favore [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social