manuale_insolvenza

home / Archivio / Fascicolo / Il curatore speciale in arbitrato. Incertezze applicative e problemi di nomina

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Il curatore speciale in arbitrato. Incertezze applicative e problemi di nomina

Paolo Comoglio

Nelle due ordinanze qui commentate, sia il collegio arbitrale sia il tribunale di Milano si pronunciano sulla competenza per la nomina del curatore speciale in caso di conflitto di interessi, escludendo che tale competenza spetti agli arbitri.

Parole chiave: Arbitrato, Conflitto di interessi, Curatore speciale, Nomina, Competenza.

The guardian in arbitration. Practical and appointment uncertainties

In the two procedural orders commented, both the arbitral Tribunal and the Tribunal of Milan decide on jurisdiction for the appointment of the special guardian in the event of a conflict of interest between the party and its representative, excluding the jurisdiction of the arbitrators in that issue.

Keywords: Arbitration, Conflict of interest, Special guardian, Appointment, Jurisdiction.

MASSIME: Nelle controversie societarie, sussiste un conflitto di interessi quando, sulla base delle allegazioni poste a fondamento della domanda, possa configurarsi una situazione di conflitto anche solo potenziale e astratta fra la parte e il proprio rappresentante. (1) Gli arbitri non hanno la competenza a nominare un curatore speciale, ai sensi dell’art. 78 c.p.c., alla parte il cui rappresentante si trovi in conflitto di interessi, potendo unicamente sollecitare le parti a promuovere il necessario procedimento di volontaria giurisdizione. (2) In caso di conflitto di interessi fra la parte e il proprio rappresentante in corso di arbitrato, la competenza a nominare il curatore spetta comunque al giudice ordinario, con provvedimento di volontaria giurisdizione. (3) PROVVEDIMENTO (1-2): [Omissis] premesso che – con istanza formulata all’udienza di costituzione del Collegio Arbitrale tenutasi in data 17 ottobre 2019 l’attore TIZIO ha chiesto la nomina di un curatore speciale per la GAMMA s.r.l. assumendo la sussistenza di una situazione di conflitto di interessi tra la predetta società e il suo amministratore CAIO pure convenuta nel presente procedimento; [Omissis] ritenuto che 1) come espresso da Cass. 14866/2000 occorre procedere alla “nomina di un curatore speciale, ogni qualvolta sia ravvisabile un contrasto tra centro autonomo di interessi, sia esso dotato o meno di personalità giuri­ dica, e suo rappresentante, id est sia dedotta in giudizio una situazione giuridica idonea a determinare la possibilità che il potere rappresentativo sia esercitato dal rappresentante in contrasto con l’interesse del rappresentato, essendo il primo portatore d’in­teresse personale ad un esito della lite diverso da quello vantaggioso per il secondo ... condizione da ritenersi sussistente anche quando si presenti soltanto potenziale, non essendo necessaria l’evidente ricorrenza di sintomi indicativi dell’effettività del conflitto, in quanto va ugualmente rimossa a titolo precauzionale giusta la ratio dell’art. 78 c.p.c.”, 2) il contrasto deve ravvisarsi anche quando la situazione di conflitto sia solo potenziale, dovendo essere “egualmente rimossa a titolo precauzionale” (Cass. 10822/2001); 3) “la relativa verifica va compiuta in astratto ed ex ante, secondo l’oggettiva consistenza della materia del contendere dedotta in giudizio, [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio