home / Archivio / Fascicolo / L'esercizio del diritto di voto da parte del socio-custode delle proprie quote sottoposte a ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


L'esercizio del diritto di voto da parte del socio-custode delle proprie quote sottoposte a pignoramento

Elena Fregonara

Fulcro motivazionale del lodo in commento risulta essere la questione inerente alla legittimità del voto espresso dal socio in qualità di custode delle proprie quote sottoposte a pignoramento: in particolare, l’Arbitro unico si pronuncia a favore dell’applicabilità alla fattispecie della disciplina dettata per la custodia dei beni immobili pignorati e, quindi, in relazione alle modalità di esercizio dei poteri del custode, della necessaria previa autorizzazione del giudice dell’esecu­zione, rilevando come il custode, in ogni caso, in quanto organo giudiziario, debba gestire il bene affidatogli secondo la diligenza del buon padre di famiglia, orientando sempre la propria condotta a fini pubblicistici, estranei ad interessi di carattere personale.

PAROLE CHIAVE: pignoramento - custode quote

The exercise of voting rights by the member as the guardian of his own foreclosed quotas

Focus of the arbitration award appears to be the question of the legitimacy of the member’s vote, when he acts as the guardian of his own foreclosed quotas: the sole arbitrator recommends the applicability to this case of the rule of law provided for the custody of the real estate foreclosures and, therefore, with specific regard to the guardian’s powers, states that they are subject to prior authorization of the court. The guardian, in any case, acting as a judicial authority, has to manage the assigned good with due care, aiming at safeguarding public and not individual interests.

Lodo Cagliari, 12 aprile 2018

(Tronci arbitro unico) – Soci Alfa s.r.l. (avv. Demuro) – Alfa s.r.l. (avv. Nieddu Arrica) – Tizio (avv.ti Luminoso e Arba)

Arbitrato – Arbitrato societario – Impugnazione delibera nomina amministratore – Intervento del socio amministratore – Ammissibilità

Nell’ambito dell’arbitrato societario, ai sensi del combinato disposto degli artt. 35, d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 5 e 105 c.p.c., è sempre legittimo l’intervento autonomo del socio, che rivesta anche la qualifica di amministratore della società, in un contenzioso avente ad oggetto l’impu­gnazione della delibera che lo aveva nominato (37).

Società – Società di capitali – Società a [continua..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social